Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Le nuove emozioni di Inside Out 2: cosa cambia nell’adolescenza di Riley

La psicoterapeuta Stefania Andreoli spiega come ansia, imbarazzo e altre emozioni emergono nell'adolescenza, arricchendo la storia di Inside Out 2.
  • Inside Out 2 debutta nelle sale italiane il 19 giugno 2024, con un successo al botteghino di oltre 438 milioni di dollari globalmente.
  • Le nuove emozioni di Riley includono ansia, imbarazzo, invidia e noia, che riflettono le complessità dell'adolescenza.
  • La serie animata di Inside Out debutterà su Disney+ nella primavera del prossimo anno, confermando l'entusiasmo per il film.

La psicoterapeuta Stefania Andreoli ha raccontato il lavoro dietro il film di animazione Inside Out 2, dalla scelta delle nuove emozioni che compaiono nell’adolescenza, all’importanza di far ragionare i bambini su ciò che provano. Inside Out 2, firmato Disney-Pixar, è arrivato nelle sale italiane il 19 giugno 2024, permettendo a grandi e piccini di godere del secondo spettacolo dell’interiorità della protagonista Riley.

Per Riley, entrata nel periodo dell’adolescenza, le nuove emozioni sono quattro: imbarazzo, ansia, invidia e noia. La psicoterapeuta Stefania Andreoli ha spiegato che le emozioni primarie come gioia, rabbia, tristezza, paura e disgusto sono quelle che i bambini provano e manifestano, mentre le emozioni secondarie derivano dal rapporto dell’essere umano con il mondo. Il controllo sulle decisioni di Riley è ora influenzato dall’ansia, dalla noia, dall’imbarazzo e dall’invidia.

Andreoli ha partecipato al comitato scientifico per la realizzazione della versione italiana del film di animazione e ha spiegato cosa si nasconde dietro la realizzazione di Inside Out 2 e perché queste nuove emozioni arrivano proprio ora. Il film segna un appuntamento con il domani, al termine dell’infanzia, e rappresenta la complessità dei cambiamenti che accompagnano ogni figlio o figlia quando cresce.

Inside Out 2: Esordio col Botto e Nuovi Progetti

Inside Out 2 ha emozionato milioni di spettatori in tutto il mondo e ha registrato un successo immediato al botteghino. Uscito nelle sale italiane il 19 giugno 2024, il film animato Pixar funge da sequel al primo capitolo uscito nove anni fa, nel 2015. La seconda avventura, diretta da Kelsey Mann al suo debutto alla regia, vede protagonista Riley entrare nell’adolescenza con nuove emozioni come ansia e nostalgia.

Questa trovata “anagrafica” e il consueto, commovente racconto delle emozioni universali hanno reso il nuovo film un successo immediato, accumulando oltre 438 milioni di dollari al botteghino mondiale a pochi giorni dal debutto. La notizia della serie animata su Disney+ conferma il clamore suscitato da Inside Out 2. Pete Docter, Chief Creative Officer di Pixar Animation, ha confermato che la serie è ultimata e farà il suo debutto in streaming nella primavera del prossimo anno.

Inside Out 2: Ansia e il Viaggio Emotivo di Riley

Inside Out 2 ci porta nuovamente nella mente di Riley, ora adolescente, dove le emozioni si incontrano e si scontrano come in una riunione di condominio. Gioia, Tristezza, Rabbia e le altre emozioni primarie sono ora affiancate da emozioni più sottili e ambigue come l’ansia e l’imbarazzo. Il film esplora come queste nuove emozioni influenzano la vita di Riley e come lei impara a convivere con esse.

Il team del film ha consultato ragazzine di tredici anni per capire i loro sentimenti, paure e verità. L’irrompere dell’ansia nel film è una delle invenzioni più eclatanti, rappresentando una wrecking ball che spacca i muri delle sicurezze di Riley. La storia oscilla fra il mondo “reale” e la testa di Riley, portando lo spettatore in un ottovolante lungo le sue complessità.

Bullet Executive Summary

Inside Out 2 rappresenta un importante passo avanti nella rappresentazione delle emozioni adolescenziali, mostrando come nuove emozioni come ansia, imbarazzo, invidia e noia emergano durante questa fase della vita. La psicoterapeuta Stefania Andreoli ha spiegato che queste emozioni secondarie sono culturalmente apprese e derivano dall’esperienza e dal contesto in cui una persona cresce. Il film non solo intrattiene, ma offre anche una rappresentazione iconografica del nostro mondo interiore, aiutando i giovani spettatori a immaginare e comprendere meglio le proprie emozioni.

Conclusione: Inside Out 2 è un film che parla a tutti noi, indipendentemente dall’età, e ci ricorda che le emozioni sono una parte fondamentale della nostra vita. La rappresentazione delle emozioni adolescenziali nel film offre un’opportunità per riflettere su come queste emozioni influenzino le nostre scelte e il nostro benessere mentale.

Nozione base di psicologia cognitiva: Le emozioni primarie come gioia, rabbia, tristezza, paura e disgusto sono innate e universali, mentre le emozioni secondarie come ansia, imbarazzo, invidia e noia sono apprese e influenzate dal contesto culturale e sociale.

Nozione avanzata di psicologia comportamentale: La teoria dell’apprendimento sociale di Bandura suggerisce che le emozioni secondarie sono apprese attraverso l’osservazione e l’interazione con gli altri. Questo implica che il contesto familiare e sociale gioca un ruolo cruciale nello sviluppo emotivo degli individui.

Inside Out 2 ci invita a riflettere su come le nostre emozioni, sia primarie che secondarie, modellano la nostra esperienza di vita e ci aiutano a navigare attraverso le complessità dell’adolescenza e oltre.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

5 commenti

  1. Il contesto sociale e culturale cambia nel tempo, e così fanno le nostre emozioni. Dentro un contesto moderno, è utile avere rappresentazioni che rispecchino i problemi di oggi.

  2. Mi sembra che stiamo sopravvalutando l’importanza di queste emozioni ‘secondarie’. Alla fine del giorno, mille anni fa c’erano ansia e imbarazzo anche senza Pixar!

  3. Credo che questi film possano avere un impatto positivo sui bambini, assistendoli nel riconoscere e gestire le loro emozioni. Non è solo marketing, è educazione emozionale.

  4. Ma davvero serve un film per capire che gli adolescenti provano ansia e imbarazzo? È solo marketing. Basta guardarsi intorno!

  5. Fantastico articolo! L’approccio scientifico dietro Inside Out 2 è impressionante. È bello vedere come Pixar abbia consultato esperti per rappresentare accuratamente le emozioni adolescenziali.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *